User Profile

filippodb bkwrm

filippodb@bookwyrm.it

Joined 3 months ago

Questo è il mio profilo bookwyrm dove scrivo di libri.

Fondatore e amministratore di bookwyrm.it e mastodon.uno, membro dei devol

Uso bookwyrm per condividere sopratutto testi sul movimento del software libero e sulle libertà digitali.

Papà dal 2018 e membro del gruppo devol.it dal 2019.

Vivo e lavoro a Milano.

This link opens in a pop-up window

filippodb bkwrm's books

To Read (View all 6)

Currently Reading

Read

2024 Reading Goal

8% complete! filippodb bkwrm has read 1 of 12 books.

avatar for filippodb filippodb bkwrm boosted
Primo Levi: La tregua (Italiano language, 2014, Einaudi) 4 stars

"La tregua", seguito di "Se questo è un uomo", è considerato da molti il capolavoro …

Quando c'è la guerra, a due cose bisogna pensare prima di tutto: in primo luogo alle scarpe, in secondo alla roba da mangiare; e non viceversa, come ritiene il volgo: perché chi ha le scarpe può andare in giro a trovar da mangiare, mentre non vale l'inverso. – Ma la guerra è finita, – obiettai: e la pensavo finita, come molti in quei mesi di tregua, in un senso molto più universale di quanto si osi pensare oggi.

Guerra è sempre, – rispose memorabilmente Mordo Nahum.

La tregua by 

Oggi una ripassata veloce è d'obbligo. 😉

Naomi Klein: No logo (French language, 2002) 5 stars

No logo è un saggio della giornalista canadese Naomi Klein, pubblicato nel gennaio del 2000. …

Libro generazionale sulla deriva del capitalismo alla soglia del nuovo millennio

5 stars

A 25 anni dalla sua uscita No logo resta il libro più importante e famoso della giornalista canadese, che divenne immediatamente un cult per il movimento no-global, perché uscì un mese dopo gli scontri di Seattle del 1999 ed era in linea con gli ideali dei manifestanti.

Libro che racconta il modo in cui le marche hanno sostituito la fabbrica nel capitalismo contemporaneo. In venticinque anni, è stato tradotto in più di trenta lingue e ha venduto oltre un milione di copie, ma soprattutto il capitalismo è andato ben oltre le previsioni della scrittrice e attivista canadese, con il capitalismo della sorveglianza che ha creato i più grandi grandi colossi tech che al momento controllano miliardi di persone attraverso società tech e i dispositivi mobili che al momento della scrittura del libro ancora dovevano nascere.

Il network di blog no blogo che ho fondato nel 2007 su noblogo.org ha un …